De gyros degustatione

13 05 2007

Dopo ben 9 mesi, con colpevole ritardo, ieri ho provato un Shawarma. Sostanzialmente un panino con pitta araba riempito di carne e verdura.
Speravo di trovare un buon sostituto del gyros greco, ma sono rimasto deluso.
E’ una versione ridotta e un po’ imborghesita. Non ci si sporca e va giu’ in tre bocconi.
Il gyros e’ come la coca-cola e la pizza. Una di quelle cose che consumano con piacere un poveraccio e l’uomo piu’ ricco.
Il gyros e’ religione (se non e’ l’oppio dei popoli, certo lo e’ dei greci). Mangiarlo e’ una cerimonia.
Quello classico e’ fatto con carne, tzatziki, pomodoro, cipolla. Qualcuno naif mette anche patate fritte, ma e’ profanazione: come la pizza hawaiana con ananas.
A questo vanno aggiunte due goccie di sudore dell’albanese (ormai i greci si limitano a mangiarlo) che lo fa, visto che lavora a temperature altissime.
Per una corretta degustazione si dovrebbe aggredirlo e tentare con un morso di tagliare l’intero perimetro: il risultato e’ che ci sentiremo unti dall’olio intorno alle labbra, ma questo migliora l’esperienza e ci fa sentire tutt’uno con il gyros.
Diffidare delle imitazioni.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: