Miss Arabia

29 07 2007


Questa simpatica fanciulla ha vinto il concorso di Miss Arabia, con rappresentanti dei Paesi Arabi e del Golfo.
Non e’ ancora chiaro se rappresentera’ il suo paese al concorso di Miss Universo. Credo non abbia molte possibilita’ di vincere, almeno non con questo abbigliamento.
I paesi arabi hanno un approccio molto diverso a queste cose: in Arabia Saudita una donna, anche straniera, non puo’ apparire in pubblico senza il chador nero, mentre negli Emirati c’e’ assoluta liberta’: in genere locali portano il chador, anche se quasi solo come soprabito (tra l’altro con molti ornamenti, diamantini, etc), mentre altre musulmane, ad esempio libanesi e giordane, seguono assolutamente modelli occidentali.
All’estremo le inglesi, che in genere si vestono.

Annunci




Lancio!

26 07 2007

Oggi e’ finalmente lanciato il servizio per cui sono qui da circa un anno: la selezione automatica dell’operatore. Una cosa vissuta in Italia nel 1998 e in Grecia nel 2003: ci si abbona a un operatore e si usa un codice per effettuare chiamate dalla sua rete.
Negli Emirati la liberalizzazione e’ solo di un anno fa per cui questo e’ il primo passo. Si seguira’ tutta la evoluzione di questi casi, fino cioe’ alla liberalizzazione dell’ultimo miglio.
Proprio per via del ritardo rispetto ad altri mercati, l’evoluzione dovrebbe essere abbastanza rapida. Vedremo.
Il lancio e’ soft, nel senso che solo tre Emirati sono coinvolti – come da istruzioni della Authority locale – e solo negozi di proprieta’. Nella seconda meta’ di Agosto il servizio sara’ esteso a tutti gli Emirati, a piu’ canali distributivi e si fara’ anche pubblicita’ sui media.
Per ora e’ promosso sul sito, visibile clikkando qui.





Norme a-la-carte

15 07 2007

Vivendo qui, ho imparato ad apprezzare alcuni modi “radicali” nella applicazione della legge.
Leggo su Repubblica.it che a Pinerolo un autista ubriaco ha investito una 17enne uccidendola. Questo tale aveva appena riottenuto la patente dopo la terza sospensione per guida in stato di ebbrezza. Ora dico, ma se a uno si e’ sospesa la patente per 3 volte per lo stesso motivo, non e’ il caso di ritirarla definitivamente???
La sera prima un tale, anche lui con valori di alcool nel sangue superiori al consentito, ha tamponato un’auto e ucciso tre bambini.

Qui negli Emirati se si e’ sorpresi a guidare con una quantita’ minima di alcool o ad avere in auto una lattina di birra, si e’ accompagnati all’aeroporto con un biglietto di sola andata per il paese di origine. I locali invece vanno dritti in gattabuia, in attesa del processo.
Nel vicino emirato di Sharjah la pena e’ 80 frustate, ma questo effettivamente e’ un po’ eccessivo…
Insomma, qui nessuno si sogna di mettersi al volante ubriaco perche’ la pena e’ certa e molto pesante. Piuttosto prende un taxi.
E’ davvero cosi’ complicato in Italia fare una norma che dice che chi guida con valori oltre la soglia subisce il ritiro definitivo della patente? E soprattutto, e’ complicato per le autorita’ applicare la norma? E’ “fascista”?





Ciclone Gonu (aggiornamento)

9 06 2007

Il ciclone Gonu ha colpito il vicino Oman lasciandosi dietro una trentina di vittime.
Qui, come da foto sotto, non ci siamo accorti di nulla.





Gli arabi danno i numeri

15 05 2007

Per un motivo che non conosco agli arabi piacciono molto i numeri.
Danno loro una importanza esagerata e ci tengono molto: cercano in ogni modo di personalizzarli.
Una delle possibilita’ che hanno e’ quella di chiedere targhe automobilistiche personalizzate: la targa standard e’ di 5 numeri, ma ce ne sono di 4,3,2. Meno i numeri, maggiore lo status, perche’ si paga parecchio per averli, e meno numeri sono disponibili piu’ si paga.
La notizia di questi giorni e’ che il tale nella foto ha pagato 5 milioni di euro per avere la targa con il numero 5. Certamente in questo caso, ma e’ facile trovare casi di autisti che pagano piu’ per la targa che non per l’auto.
Se ne parla anche sul Corriere della Sera.





Cento! (E ladri catturati)

2 05 2007

Cento perche’ questo e’ il centesimo post nel blog.


Il simpatico commissario in foto ha annunciato che tre della banda che ha fatto la rocambolesca rapina al Wafi sono stati catturati.
Uno in Europa, dalla Interpol. Tutti con passaporto canadese, ma di origine araba o dell’est europeo.
Pare che fossero dei professionisti con un rispettabile curriculum di colpi in giro per il mondo, ma allora c’e’ da chiedersi perche’ la refurtiva non sia mai uscita da Dubai. E’ stata recuperata per intero.
Ora si cercano gli altri membri della banda. Sicuramente le autorita’ troveranno il modo per convincere gli arrestati a parlare…





Articolo del Corriere

15 04 2007

Una settimana fa circa e’ apparso sul Corriere un articolo su Abu Dhabi e Dubai.
Per leggerlo basta clikkare proprio qui.