Tradizioni

15 10 2007

Vicino al supermercato della zona c’e’ una moschea. Fino a qui, niente di strano. Fatto sta che settimana scorsa uscendo con il mio carico di tagliatelle e salame, ho sentito il mohezzino predicare in inglese. Non so a beneficio di chi, ma mi e’ sembrato piuttosto sorprendente. Mentre a volte si sente parlare di ritorno alla messa in latino, questi estendono la predica all’inglese.
Un timido segnale di progresso, anche se forse circoscritto a questo paese, o questo emirato, o forse addirittura a quella moschea soltanto. Ma interessante.

Ieri ho visto in televisione il parroco di Abano Terme che dice di essere fidanzato, avere figli, forse no, sono anche io abbastanza confuso da quello che dice. E’ stato massacrato da intellettuali tipo Alessandra Mussolini, vari residui di edizioni del Grande Fratello, tronisti, vallette, etc.
Ora, certamente il suo caso e’ da condannare, perche’ quando ha fatto la scelta di farsi prete l’ha fatta conoscendone le regole, per cui o le accetta o esce dalla Chiesa. Le regole sono regole.
Ma sulla base di cosa si pensa che queste regole non si possano discutere nel principio? Come pensiamo che i preti protestanti o ortodossi non sono buoni pastori di anime solo perche’ mettono su famiglia?
Insomma, il buon prete e’ solo il prete celibe? Α volte ho l’impressione che resistono dei concetti non sostenibili logicamente solo per una forma di conservatorismo estremo.

Forse la regola e’ giusta, non dico, ma il rifiuto del dibattito mi pare non giustificabile.





Si sta a casa (ma non si sa quanto)

11 10 2007

Venerdi’ o Sabato e’ l’Eid. L’Eid e’ l’ultimo giorno del ramadan, giorno di festa. Tipico augurio: “Eid Mubarak”.

Capitando di Venerdi’ si recuperera’ il giorno festivo alla Domenica. Il fatto e’ che il tutto e’ determinato dalla luna. Per cui ancora non siamo sicuri se l’Eid sara’ venerdi’ o sabato, il che significherebbe stare a casa domenica e forse anche lunedi’.

E’ giovedi’, ultimo giorno lavorativo della settimana, e ancora non sappiamo quando si torna in ufficio. Staremo col naso all’insu’ a leggere gli astri.





Ramadan Kareem

23 09 2007

Il 13 settembre e’ cominciato il ramadan, il mese santo per i musulmani.
Non mangiano e non bevono fino al tramonto, ora dell’ultima preghiera.
Noi occidentali ci dobbiamo adattare, nel senso che ci e’ vietato consumare pasti o bere bevande davanti a musulmani per una forma di rispetto.
Sembra complicato, ma in realta’ ci si adatta presto. E’ un po’ piu’ difficile nei weekend, quando magari si esce a pranzo e si fa un po’ di fatica a trovare un locale aperto.
Il meglio arriva alla sera. Dopo il tramonto, parte l’Iftar, una sbafacchiata leggendaria in tende tradizionali allestite un po’ ovunque. Per tutto c’e’ una ricompensa.